La scrittura, la visione e il senso. Nota sul cinema di Robert Bresson