Imbattersi «nel fantasma che ti salva»: alcune riflessioni su cinema e miracolo