Fin dalle origini della civiltà moderna l’impulso al cambiamento è andato di pari passo con uno speculare scetticismo sulle reali possibilità di un vero rivoluzionamento della natura umana. Da questo punto di vista i grandi cambiamenti storici appaiono come eventi che, anziché essere progettati e realizzati, accadono agli individui sotto l’impulso di processi impersonali le cui cause sfuggono al controllo di chicchessia, inclusi i principali beneficiari di tali “progressi”, siano essi tecnologici o economici. Da questa ambivalenza scaturisce la problematicità della questione del cambiamento storico, soprattutto quando viene immaginato come un cambiamento per il meglio, dove il “dopo” è allo stesso tempo un passo in avanti e un “upgrade” rispetto al “prima”. È davvero possibile un simile salto di qualità in natura? E come si spiega? Ma se è difficile da immaginare, come possiamo pretenderlo da creature che sono pur sempre un “pezzo” di natura quando la lezione che la storia naturale sembra impartirci è che l’opportunismo ha sempre una marcia in più nella lotta per l’esistenza? La soluzione tipicamente moderna a questo paradossale connubio di ottimismo e pessimismo coniuga creativamente attività e passività. Detto in breve, il processo storico è concepito come uno sviluppo disordinato che dà origine a situazioni di crisi, a biforcazioni, tipping points, in cui gli esseri umani – o almeno alcuni esseri umani (le avanguardie, i tecnici, i leader carismatici) – hanno la possibilità di favorire il cambiamento di cui un’epoca è gravida, assecondando alcune tendenze anziché altre o, nel caso migliore, producendo un’innovazione che faccia pendere la bilancia del cambiamento dal lato costruttivo anziché da quello distruttivo o catastrofico. In questi casi, la sfida si può dire vinta, sebbene solo provvisoriamente. L’equilibrio raggiunto è infatti per sua natura precario e una nuova crisi – e la relativa sfida per le nuove generazioni – è giusto dietro l’angolo e non consente a nessuno di dormire sugli allori. L’ipotesi teorica da cui mi faccio guidare nell'articolo è che ci sia qualcosa di filosoficamente giusto e qualcosa di profondamente sbagliato in questo modo di comprendere il cambiamento storico. In particolare, nel mio contributo provo a indicare la direzione in cui dovrebbe muoversi un’interpretazione del cambiamento storico che riconosca alla ricettività un ruolo non meno importante del controllo nell’assecondare la creatività morale umana.

Il prima e il dopo. Quanto sono realistiche le speranze in un cambiamento radicale della nostra forma di vita?

P. Costa
2020

Abstract

Fin dalle origini della civiltà moderna l’impulso al cambiamento è andato di pari passo con uno speculare scetticismo sulle reali possibilità di un vero rivoluzionamento della natura umana. Da questo punto di vista i grandi cambiamenti storici appaiono come eventi che, anziché essere progettati e realizzati, accadono agli individui sotto l’impulso di processi impersonali le cui cause sfuggono al controllo di chicchessia, inclusi i principali beneficiari di tali “progressi”, siano essi tecnologici o economici. Da questa ambivalenza scaturisce la problematicità della questione del cambiamento storico, soprattutto quando viene immaginato come un cambiamento per il meglio, dove il “dopo” è allo stesso tempo un passo in avanti e un “upgrade” rispetto al “prima”. È davvero possibile un simile salto di qualità in natura? E come si spiega? Ma se è difficile da immaginare, come possiamo pretenderlo da creature che sono pur sempre un “pezzo” di natura quando la lezione che la storia naturale sembra impartirci è che l’opportunismo ha sempre una marcia in più nella lotta per l’esistenza? La soluzione tipicamente moderna a questo paradossale connubio di ottimismo e pessimismo coniuga creativamente attività e passività. Detto in breve, il processo storico è concepito come uno sviluppo disordinato che dà origine a situazioni di crisi, a biforcazioni, tipping points, in cui gli esseri umani – o almeno alcuni esseri umani (le avanguardie, i tecnici, i leader carismatici) – hanno la possibilità di favorire il cambiamento di cui un’epoca è gravida, assecondando alcune tendenze anziché altre o, nel caso migliore, producendo un’innovazione che faccia pendere la bilancia del cambiamento dal lato costruttivo anziché da quello distruttivo o catastrofico. In questi casi, la sfida si può dire vinta, sebbene solo provvisoriamente. L’equilibrio raggiunto è infatti per sua natura precario e una nuova crisi – e la relativa sfida per le nuove generazioni – è giusto dietro l’angolo e non consente a nessuno di dormire sugli allori. L’ipotesi teorica da cui mi faccio guidare nell'articolo è che ci sia qualcosa di filosoficamente giusto e qualcosa di profondamente sbagliato in questo modo di comprendere il cambiamento storico. In particolare, nel mio contributo provo a indicare la direzione in cui dovrebbe muoversi un’interpretazione del cambiamento storico che riconosca alla ricettività un ruolo non meno importante del controllo nell’assecondare la creatività morale umana.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
COSTA.pdf

accesso aperto

Descrizione: Articolo
Licenza: PUBBLICO - Pubblico con Copyright
1.47 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11582/324186
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact