La parabola del brutto: da "non essere" a reale