Che ne è della critica sociale se un ‘altro’ mondo non è più possibile?