Molti hanno l’impressione, oggi, di trovarsi di fronte a un cambiamento epocale nel modo in cui le persone concepiscono la realtà in cui è dato loro di vivere, più in particolare che si stia esaurendo la passione critica che ha animato per secoli gli uomini moderni e li ha spinti a progettare e perseguire un cambiamento radicale della società e del mondo. Nel saggio questa possibile transizione storica viene analizzata alla luce dell’evoluzione religiosa dell’umanità, così com’è stata interpretata nell’ultimo libro di Robert Bellah (Religion in Human Evolution, 2011). L’obiettivo è capire quale sia il destino della critica sociale in un’epoca radicalmente secolare.

Che ne è della critica sociale se un ‘altro’ mondo non è più possibile?

Costa, Paolo
2014

Abstract

Molti hanno l’impressione, oggi, di trovarsi di fronte a un cambiamento epocale nel modo in cui le persone concepiscono la realtà in cui è dato loro di vivere, più in particolare che si stia esaurendo la passione critica che ha animato per secoli gli uomini moderni e li ha spinti a progettare e perseguire un cambiamento radicale della società e del mondo. Nel saggio questa possibile transizione storica viene analizzata alla luce dell’evoluzione religiosa dell’umanità, così com’è stata interpretata nell’ultimo libro di Robert Bellah (Religion in Human Evolution, 2011). L’obiettivo è capire quale sia il destino della critica sociale in un’epoca radicalmente secolare.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11582/239229
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact