È immaginabile un futuro per la democrazia?