La sfida di Robert Bellah e il lavoro dello storico. Qualche riflessione senza pretese