John Henry Newman, tra santità ed equivoci