Il modernismo e il problema della coscienza credente: John Henry Newman e George Tyrrell