«E’ già politica». Democrazia, biopolitica e singolarità sessuate