Il massimo necessario. Note per una antropologia del perdono