I provvedimenti di clemenza nei confronti dei «collaborazionisti» nell’Italia del secondo dopoguerra. Un esempio di giustizia di transizione