Contingenza o validità universale? Richard Rorty e Karl-Otto Apel sul progresso morale